La nota 388 del 17 marzo 2020 del ministero dell'istruzione, fornisce interessanti spunti di riflessione sulla didattica a distanza e sull'attenzione che bisogna sia riservata a tutti gli alunni. È scritto nella nota "La didattica a distanza, in queste difficili settimane, ha avuto e ha due significati. Da un lato, sollecita l'intera comunità educante, nel novero delle responsabilità professionali e, prima ancora, etiche di ciascuno, a continuare a perseguire il compito sociale e formativo del "fare scuola", ma "non a scuola" e del fare, per l'appunto, "comunità". ..............Dall'altro lato, è essenziale non interrompere il percorso di apprendimento. La declinazione in modalità telematica degli aspetti che caratterizzano il profilo professionale docente, fa sì che si possa continuare a dare corpo e vita al principio costituzionale del diritto all'istruzione".

Il TUO VIAGGIO NELLA DAD

Presentiamo, quindi, di seguito una proposta didattica incentrata sulla formazione ad un metodo di studio funzionale, con l'obiettivo di sviluppare una competenza di studio che accompagni il nostro alunno all'autonomia, adoperando in maniera critica e consapevole gli strumenti didattici e compensativi informatici.